Il contenuto è gratuito ma soggetto a restrizioni d'uso. Si prega di consultare le nostre FAQ per conoscere le condizioni d'uso.
Cliccando su download/embed, dichiari di aver letto e di rispettare i termini di utilizzo.
Download

L’Italia leader dell’economia circolare: prima in Ue per riciclo, seconda per export green

Roma - Nel cammino della transizione ecologica, verso un'economia pulita e sostenibile, l'Italia parte da una buona posizione. E' prima nell'Unione europea per riciclo, è il secondo esportatore al mondo di prodotti green, ha il primo operatore mondiale delle rinnovabili (l'Enel) e l'agricoltura con le minori emissioni di gas serra in Europa. Ed è pure il primo esportatore europeo di biciclette. La Fondazione Symbola anche quest'anno ha provato a raccontare l'Italia delle eccellenze ambientali, non solo dei problemi. Il suo rapporto "2021 L'Italia in 10 selfie" fotografa dieci aspetti in cui l'Italia è all'avanguardia nell'economia verde: cioè il motore dello sviluppo futuro secondo il Green New Deal della Ue e il piano di aiuti per il post pandemia, il Next Generation Eu.

Il contenuto è gratuito ma soggetto a restrizioni d'uso. Si prega di consultare le nostre <a href="https://ednh.news/it/faq" target="_blank">FAQ</a> per conoscere le condizioni d'uso.<br/>Cliccando su download/embed, dichiari di aver letto e di rispettare i termini di utilizzo.

Per prima cosa, l'Italia è il paese dell'Unione europea che ricicla più rifiuti e scarti. Ben il 79,3%, contro una media europea del 39,2%. La Francia ricicla il 55,8%, il Regno Unito il 50,5%, la Spagna il 43,5%, la Germania il 42,7%. Merito della storica povertà di risorse del nostro paese, che ha costretto gli italiani ad ingegnarsi per sprecare il meno possibile. L'Italia è il secondo esportatore al mondo di beni green, prodotti con ridotto impatto ambientale, dopo la Germania e prima degli Stati Uniti. Sono oltre 432.000 le aziende italiane che hanno investito in tecnologie pulite fra il 2015 e il 2019, il 31,2% del totale. Ma non basta. Il più grande operatore al mondo nelle rinnovabili è l'italiana Enel, con 47 gigawatt di capacità gestita nei cinque continenti e 90 miliardi di capitalizzazione di mercato. L'agricoltura italiana emette 30 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti, contro i 76 milioni della Francia e i 66 della Germania. Fra il 2011 e il 2018 ha ridotto del 20% l'uso di pesticidi (mentre Francia e Germania lo aumentavano), ha aumentato l'utilizzo e la produzione di energie rinnovabili e ha ridotto i consumi di acqua. L'Italia è il Paese europeo con il maggior numero di imprese di design, il 15,5 % del totale Ue. Nella nautica da diporto è leader mondiale per valore delle esportazioni (2,2 miliardi). L'industria italiana del legno arredo è prima in Europa in economia circolare: il 93% dei pannelli truciolari prodotti in Italia è fatto di legno riciclato. L'Italia è seconda in Europa dopo la Germania per valore della produzione farmaceutica (32,2 miliardi contro 32,9). Ed è il primo esportatore europeo di biciclette, per 609 milioni di euro. "L'Italia può essere un avamposto di quell'economia più forte e insieme più sostenibile e a misura d'uomo", ha commentato il presidente di Symbola, Ermete Realacci. Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, alla presentazione del rapporto ha indicato alcune linee di sviluppo dell'economia green nel Recovery Plan: autoproduzione di energia in agricoltura, rete elettrica con stazioni di accumulo al servizio delle rinnovabili, rete di monitoraggio contro il dissesto idrogeologico.