Il contenuto è gratuito ma soggetto a restrizioni d'uso. Si prega di consultare le nostre FAQ per conoscere le condizioni d'uso.
Cliccando su download/embed, dichiari di aver letto e di rispettare i termini di utilizzo.
Download

Stop alle auto inquinanti dal 2035, ok agli ecocarburanti: l’intesa dei ministri Ue

Bruxelles - L'industria dell'automotive deve prepararsi a dire addio a benzina e diesel nel 2035. Gli e-fuels - o ecocarburanti che dir si voglia - potranno invece avere altri giorni da vivere. Con una maratona negoziale di quasi diciassette ore, quando l'orologio segnava le tre di notte a Lussemburgo, i ministri europei responsabili dell'Ambiente hanno chiuso un'intesa storica sulle auto e il maxi pacchetto green Fit for 55. Che di fatto, se sarà approvata in via definitiva all'ultimo miglio dell'iter legislativo destinato a compiersi in autunno, segnerà un passo decisivo e irreversibile per i trasporti, l'energia, l'industria e l'edilizia. E, quel che è più importante, per il clima. Per il ministro per la transizione ecologica, Roberto Cingolani, è stato evitato il peggio. "I Paesi cosiddetti frugali che non producono automobili - ha detto - chiedevano il phase out molto prima, alcuni al 2027".

I punti tracciati un anno fa da Bruxelles restano invariati: lo stop a benzina e diesel per auto e furgoni nuovi sarà nel 2035. E questo, ha gioito il vicepresidente della Commissione Ue, Frans Timmermans, significa che il futuro della mobilità "è elettrico". Anche considerando che l''obiettivo zero CO2 al 2035 è qualcosa "che le auto ibride ad oggi non possono conseguire". "Se i costruttori pensano di poterlo fare - ha osservato il politico olandese - vedremo, faremo le nostre valutazione nel 2026, dipende da loro". E infatti qualche deroga c'è. E sta molto a cuore all'Italia. Una salva la Motor Valley emiliana: le auto di lusso di marchi storici come Ferrari potranno ancora essere vendute con i classici motori termici, secondo i ministri almeno fino alla fine del 2035. L'altra lascia uno spazio alla coesistenza tra gli ecocarburanti e l'elettrico per una transizione più sostenibile sotto il piano tecnologico e sociale nei tempi che verranno. Per entrambe l'ago della bilancia è stata la Germania, arrivata al tavolo delle trattative divisa nelle sue anime di governo tra i due ministri Verdi che guidano l'Economia e l'Ambiente, Robert Habeck e Steffi Lemke, per i quali il risultato è "storico", e i Liberali del responsabile delle Finanze Christian Lindner, grande collezionista di Porsche. L'asso nella manica di Berlino è diventato il punto d'approdo per tutti i Ventisette, le 'ambientaliste' Olanda e Danimarca comprese, e prevede che nel 2026 la Commissione Ue valuti i progressi compiuti dal settore verso le emissioni zero tenendo conto "degli sviluppi tecnologici, anche per quanto riguarda le tecnologie ibride plug-in". Il problema, ha messo in guardia il presidente di Acea e ceo di BMW, Oliver Zipse, è garantire "l'accesso strategico alle materie prime chiave per la mobilità elettrica" e capire che "l'idrogeno e altri combustibili CO2 neutrali" giocano un "ruolo importante" nella decarbonizzazione. Di tutt'altro avviso Transport & Environment Italia, per la quale "ora bisogna concentrarsi sulla capillare diffusione delle infrastrutture di ricarica, la riqualificazione dei lavoratori dell'industria automobilistica e la costruzione della filiera delle batterie sostenibili". Mentre per Greenpeace quello raggiunto dai ministri è un accordo "rattoppato" e "la scadenza del 2035 è troppo tardi. Preoccupazioni per l'impatto dello stop alle auto inquinanti su imprese e occupazione i lavoratori sono state invece espresse dai sindacati come Fiom e Fim, da Conftrasporto, dall'Unione industriali di Torino e da diversi esponenti di Forza Italia.

Le auto non sono state le uniche ad agitare le trattative. La riforma dell'Ets, con il passaggio dalle quote gratuite alla carbon tax e l'allargamento ai trasporti privati e al riscaldamento degli edifici ha incassato l'ok. Ma sul Fondo sociale per aiutare i cittadini e le imprese ad affrontare il costo della transizione energetica la sintesi trovata dai Paesi si ferma, con l'aiuto della mediazione della Francia, a 59 miliardi di euro tra il 2027 e il 2032. Bruxelles ne proponeva 72, i falchi del Nord meno della metà.

Il contenuto è gratuito ma soggetto a restrizioni d'uso. Si prega di consultare le nostre <a href="https://ednh.news/it/faq" target="_blank">FAQ</a> per conoscere le condizioni d'uso.<br/>Cliccando su download/embed, dichiari di aver letto e di rispettare i termini di utilizzo.

AUTO, ETS, AIUTI - Ecco i punti principali dell'intesa raggiunta tra i ministri Ue dell'Ambiente sul maxi-pacchetto per il Clima 'Fit fo 55', disegnato da Bruxelles per arrivare alle emissioni zero del Continente nel 2050. Le misure dovranno ora essere negoziate dai governi con il Parlamento e la Commissone Ue.

* AUTO. Il testo prevede di ridurre del 100% le emissioni di CO2 di auto e furgoni nuovi che emettono CO2 nel 2035: auto e furgoni con motore a combustione, alimentate a benzina e diesel, non potranno quindi più essere immatricolate. Entro il 2030 i costruttori dovranno ridurre del 55% le emissioni delle nuove auto immesse sul mercato e del 50% quelle dei nuovi veicoli commerciali. Via libera anche alla deroga 'salva Motor Valley' che prevede per i produttori di nicchia (meno di 10mila veicoli l'anno) di continuare a vendere le loro auto con i tradizionali motori termici fino al 2035 (la Commissione proponeva di terminare la proroga nel 2030). Nel 2026 la Commissione valuterà la possibilità di intervenire su motori ibridi o che utilizzano gli ecocarburanti (e-fuels).

* RIFORMA ETS. I settori dell'industria e dell'energia coperti dal mercato Ue del carbonio (Ets) dovranno aumentare lo sforzo di riduzione delle emissioni di CO2 entro il 2030 dal 43 (previsto oggi) al 61% rispetto al 2005. Saranno eliminati i permessi di emissione gratis di cui attualmente gode l'aviazione. Un nuovo regime Ets a coprire per i trasporti su strada e per il riscaldamento degli edifici dovrebbe cominciare nel 2027. La Commissione proponeva il 2026. Anche le grandi navi saranno incluse nel sistema Ets e dovranno pagare per le emissioni.

* FONDO SOCIALE. I ministri dell'ambiente prevedono la costituzione, fuori dal bilancio Ue, di un fondo sociale da 59 miliardi di euro tra il 2027 e il 2032 per aiutare cittadini e imprese a fare fronte ai costi della transizione energetica. L'Esecutivo Ue propone 72,2 miliardi dal 2025 al 2032.

* CARBON TAX.
Per evitare la rialocalizzazione di imprese in Paesi con standard climatici meno rigorosi dell'Ue, sarà introdotto il meccanismo di aggiustamento del carbonio alla frontiera (carbon tax alle frontiere o Cbam). Con la progressiva entrata in vigore del nuovo sistema il regime delle quote di emissione gratuite sarà gradualmente eliminato. Questo, secondo i ministri, dovrebbe accadere in un periodo di 10 anni, tra il 2026 e il 2035, per le importazioni di prodotti in ferro e acciaio, cemento, elettricità, alluminio e fertilizzanti da Paesi con norme sul clima meno severe di quelle Ue.

 

La Ue ferma le auto inquinanti, stop a benzina-diesel dal 2035